INAUGURATA LA BIENNALE DI ARTE CONTEMPORANEA DI LYON

Questa 15a edizione della Biennale di arte contemporanea di Lione è concepita come un ecosistema all’intersezione di paesaggi biologici, economici e cosmogonici. Porta testimonianza delle mutevoli relazioni tra esseri umani, altre specie viventi, il regno minerale e le storie che li uniscono. Dal 18 settembre 2019 al 5 gennaio 2020.

Facendo eco alla geografia di Lione, il titolo della 15a Biennale di Arte Contemporanea di Lione è Where Water Comes With Other Water, tratto da una poesia di Raymond Carver.
Una cinquantina di artisti di tutte le generazioni e molte nazionalità, con la parità di genere, sono stati invitati a realizzare opere Nina Chanel Abney, Gaëlle Choisne, Daniel Dewar e Gregory Gicquel, Jenny Feal, Renee Levi, Aguirre Schwarz.

Grazie alla disponibilità dell’eccezionale sito Usines Fagor, che si estende per oltre 29.000 m² nel cuore di Lione, questa 15a edizione ha una scala senza precedenti. Con questo immenso deserto industriale, l’intero macLYON, gli interventi in tutta la città e nella regione dell’Alvernia-Rodano-Alpi, è uno straordinario campo di sperimentazione che viene offerto agli artisti e dà all’evento una dimensione nuova.

Per affrontare questa sfida, White Adelaide, Daria de Beauvais, Yoann Gourmel, Matthew Lelievre, Vittoria Matarrese, Claire Moulene e Hugo Vitrani hanno girato il mondo con l’idea di promuovere nuovi progetti. A questi commissari è stata richiesta la loro capacità di implementare molteplici energie e risorse, una visione aperta della creazione e una particolare sensibilità alle problematiche contemporanee che attraversano la nostra società.

Risultato dei loro vagabondaggi e del loro confronto con le fabbriche di Fagor, hanno scelto di costituire un “paesaggio” in cui il visitatore dovrà spostarsi, scoprire, osservare, ascoltare, interagire, sentire e vivere un’esperienza , con artisti che intervengono in uno spettro dal microbioma alla biosfera. Insieme, hanno immaginato questa 15a edizione della Biennale di Arte Contemporanea di Lione come un viaggio fisico, visivo o spirituale, a cui il visitatore è invitato a prendere parte.

Hanno conservato più di cinquanta artisti di tutte le generazioni e di tutti i continenti, più della metà dei quali vive in Europa e un terzo in Francia, e ovviamente una parità di genere. Da Bangkok, Buenos Aires, Brooklyn, Brisbane, Johannesburg, Kostërrc, Lione, Città del Messico, Mosca, Saint-Etienne, Oslo, Roma, Parigi, Pittsburgh, Zurigo e In molte altre città, gli artisti sono invitati a progettare opere in situ che tengano conto non solo della storia e dell’architettura dei luoghi, ma anche del contesto socio-economico in cui sono iscritti. Il coinvolgimento dell’intero bacino economico della regione Alvernia Rodano-Alpi, dalla catena del Puys ai piedi delle Alpi, è uno dei punti di forza di questa Biennale. Grazie alla ricchezza dell’ecosistema locale (metallurgia, chimica, tessile, edile, automobilistico …), know-how tradizionale e tecnologie avanzate, le molteplici potenzialità a disposizione degli artisti, sono stati in grado di comporre un panorama incredibile il contemporaneo è costituito da sistemi digestivi scolpiti, un alesatore a tunnel abbandonato, veicoli ristrutturati, rovi accresciuti, carta riciclata, tessuti stirati ma anche vere nuvole attraversate.

Per l’edizione 2019, la Biennale si sviluppa su tutto il territorio regionale. Il coinvolgimento dei curatori della Biennale è stato rivisto e notevolmente aumentato. La Biennale di Arte Contemporanea di Lione è un evento aperto e accessibile a tutti, che va oltre la nozione ristretta di mostra concepita per uno spazio chiuso. Questo nuovo modello è organizzato da quattro piattaforme complementari che si irradiano su tutto il territorio: Veduta, Young International Creation, Associated Exhibitions e Resonance.

In città e in tutta la metropoli, il sistema Veduta offre interventi di artisti in collaborazione con gli abitanti, raggiungendo così un vasto pubblico. Quest’anno, e per la prima volta in collaborazione con i curatori della Biennale, quasi una dozzina di artisti prenderanno parte ai distretti di Lione (7 ° e 8 ° arrondissements) ma anche a Bron, Chassieu, Francheville, Givors, Meyzieu, Rillieux-la-Pape, Saint-Genis-Laval, Vaulx-en-Velin, Bourgoin-Jallieu e fino al Great Park Miribel Jonage.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.